Netanyahu ALCHIMIE MASSONICHE

le motivazione omosessuali del FAMILY DAY, CIOè, LA LOGICA DELLA FAMIGLIA NATURALE! ] Uno scrittore omosessuale agli anti-Family day: “Io conosco il vostro dolore” lui DICE NOI SIAMO NATI TUTTI DA UN UOMO ED UNA DONNA ED è GIUSTO CHE DEBBA ESSERE COSì, MATRIMONIO E ADOZIONI SONO PER GLI ETEROSESSUALI SOLTANTO! [ No. Qui, oggi, non vi si chiede di cambiare vita. Ciò che vi si chiede, ciò che vi chiedo io, e di deporre le armi e guardare con verità alla storia da cui provenite, da cui tutti proveniamo: un maschio e una femmina, un papà e una mamma, che per qualche ragione, fortuita o volontaria, hanno fatto sì che noi oggi esistessimo. Forse i vostri genitori non sono stati i migliori del mondo. Forse talora possono essere stati persino i peggiori. Ma almeno voi sapete chi sono. http://it.aleteia.org/2016/02/04/uno-scrittore-omosessuale-agli-anti-family-day-io-conosco-il-vostro-dolore/

LA TESTIMONIANZA DOLOROSA DI UN FIGLIO CRESCIUTO DA UNA COPPIA GAY, CHE CHIEDE IL RISPETTO E LA TUTELA DELLA FAMIGLIA SECONDO IL DIRITTO NATURALE! La testimonianza della figlia di una coppia gay che dovrebbe farci svegliare, di Dawn Stefanowicz Sono una dei sei figli adulti di genitori gay che di recente hanno presentato degli amicus brief alla Corte Suprema statunitense chiedendole di rispettare l'autorità dei cittadini di mantenere la definizione originaria del matrimonio: un unione tra un uomo e una donna con l'esclusione di tutti gli altri, di modo che i Leggi tutto… http://it.aleteia.org/2015/06/30/la-testimonianza-della-figlia-di-una-coppia-gay-che-dovrebbe-farci-svegliare/
========================
my ISRAELE ] [ il mio ministero politico, se Dio vuole, LUI può darlo ad un altro! ma, io non ritengo, a livello personale, di essere superiore a nessuno, in tutto mondo come una persona: uguale a tutti, ed ogni persona merita il rispetto che, si deve a me: a prescindere da ogni suo orientamento! soltanto, si richiede DA TUTTI, una giustizia ed una verità che siano universali RAZIONALI ed oggettive: perché non può esistere una fratellanze, se anche io soltanto, possa essere messo, su un piano di superiorità! SE è VERO CHE DIO HA DETTO: "VOI SIETE TUTTI FRATELLI!" InutilmEte i sacerdoti di satana in Youtube hanno cercato di far crescere in me, una sovrastima della mia persona! NO, IO SONO UN UOMO COME TUTTI: QUESTA è LA MIA GLORIA, DAVANTI A DIO!
=======================
 Read this month's Word from Jerusalem online › Feast 2016 Feast of Taberncales / 16-21 Oct 2016, Join us in Jerusalem this year as thousands of believers from around the world gather to celebrate the faithfulness of our God and show their support for Israel.
Learn more ›
Isaiah 62 Take the Isaiah 62 Pledge to Praym Christians around the world are joining monthly to pray for Israel according to the command of Isaiah 62. We invite you to join this global movement of prayer by using our monthly prayer points.
Learn more ›
Adopt a Holocaust Survivor Adopt a Holocaust Survivor, Through a monthly commitment you can express your love and support for these precious Holocaust survivors by ensuring ongoing quality care and daily therapeutic activities.
Learn more › http://int.icej.org/media/word-jerusalem

my ISRAELE ] se avete bisogno di miracoli e di profezie? ok! poi, andate a chiederle al mio amico Benny Hinn, io non faccio di queste cose! E se qualcuno non crede nella mia umiltà, dopo tutto quello che, io ho detto, circa, delle cose incredibili sulla mia identità di Unius REI, è soltanto perché lui non ha conosciuto la UMILTà INFINITA DI DIO! e io vi posso dire che, Dio non si ritiene di essere superiore a noi per il fatto di Essere il Signore Onnipotente Creatore del cielo e della Terra! e Nessuno potrebbe mai stare a suo imbarazzante disagio di fronte alla infinita santità di Dio!
===================================
TUTTI FUORI GLI ARABI DA ISRAEL! Netanyahu Wants to Ban Arab Knesset Members who Visit Terrorists’ Families zoabi, Odeh, Zahalka, Ghattas [of couse: you to Ban they all: are enemy Israel! ]
http://sable.madmimi.com/click?id=35148.4272988.91b52392f2c3ade334696243b7c1cb0b&l=2483&url=http%3A%2F%2Funitedwithisrael.org%2Flawmakers-who-console-terrorists-families-have-no-place-in-the-knesset-netanyahu-affirms Israeli Scientists Discover Early Detection Method for Lung Cancer! israel lung cancer detection
WATCH: US Spokesman Finally Makes Sense! (Rejecting Terror) James Kirby Answers Question
cbs ACT NOW! Protest CBS News for Biased, Dishonest Reporting
Palestinian official praises Hitler WATCH: Senior PA Official Says ‘Hitler Wasn’t Morally Corrupt – He was Daring’ Hitler non era moralmente corrotto - Era audace'.. [] OK ADESSO DOBBIAMO ESSERE AUDACI ANCHE NOI! [] Palestinian worker in Hamas terror tunnel. Hamas Terror Tunnels Continue to Collapse in Gaza, Killing More Terrorists
stop_pa_newsletter EU smuggle European Union Diplomat Attempts to Smuggle Millions in Goods into Israel
Israel Holland Israeli-Dutch ‘Innovation Day’ Aims to Advance Mutual Economic Relations
Abbas Glorifies Murder WATCH: Fatah Video Shows PA Head Abbas Glorifying Mass Murder. [REALLY?] FUORI DALLE PALLE TUTTI GLI ISLAMICI: SUBITO VANNO TUTTI DEPORTATI IN SIRIA!
Jews board a train during the Holocaust. Holocaust Victims Seek Justice From Hungary in US Court
mishpatim Living Torah: What is a Jewish-Owned Hebrew Slave and What Does He Teach Us?
======================
SALMAN SAUDI ARABA SALAFITI WAHHABITI ] oggi ti piace Rothschid SpA FED, sacerdoti satana CIA, perché, loro ti permettono di uccidere, così tanti martiri cristiani, i tuoi schiavi dhimmi, che subiscono il geenocidio, in tutto il mondo? Cazzo, sono 30 anni che, tu mi stai facendo contare i cadaveri! Ok! ma, domani quando sarai diventato il porco ingrassato giusto, e tu dirai a me: "UNIUS REI SALVAMI, perché Rothschild mi vuole uccidere?" CERTO IO DIRò A TE, QUEL GIORNO: "FOTTITI! TU E TUTTA LA TUA LEGA ARABA DI CRIMINALI, FOTTITI, TU IL TUO MALEDETTO PROFETA, fottiti tu e la tua MALEDETTA RELIGIONE!" Gentile sostenitore, finalmente il Parlamento Europeo si è piegato e ha deciso di discutere la proposta di definire “Genocidio” l’immane tragedia che colpisce le minoranze religiose, tra cui quella cristiana, in Iraq. La sistematica offensiva dell’ISIS contro le comunità cristiane in Medio Oriente quindi potrebbe infine essere chiamata per quello che è nella realtà: un vero e proprio genocidio! Essere sempre più consapevoli del dato reale e delle difficoltà concrete che i cristiani, in paesi come Iraq e Siria, stanno affrontando ormai da diversi anni è di fondamentale importanza per agire concretamente a favore della libertà di espressione e della libertà religiosa. Per questo motivo l’Osservatorio sulla Cristianofobia ha deciso di dare nuovo impulso alla petizione “Fermiamo la Cristianofobia” per continuare a fare pressione sulle Istituzioni italiane ed europee affinché assumano una posizione inequivocabile contro questo genocidio. Potrai dare il tuo contributo, firmando oggi stesso la petizione cliccando sul bottone qui sotto. [Firma anche tu la petizione!] L’obiettivo è quello di raccogliere entro Pasqua altre 10 mila firme da consegnare al Presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz! [Firma anche tu la petizione!] La partecipazione e la collaborazione di ciascuno di noi è determinante per attivare non solo l’opinione pubblica, ma anche per sollecitare chi di dovere a prendere le dovute iniziative a tutela dei cristiani perseguitati! Insieme possiamo fare la differenza per le comunità cristiane del Medio Oriente! E fare la differenza per la tutela del diritto alla libertà religiosa, che sta alla base della nostra società e di ogni democrazia. [Firma anche tu la petizione!] Oltre a firmare la petizione, ti prego anche di condividerla con i tuoi amici, tramite Facebook, Twitter e gli altri tuoi profili social.
È importante poter raccogliere altre 10 mila firme al più presto! E se i tuoi mezzi te lo consentono, ti prego di considerare un aiuto all’Osservatorio sulla Cristianofobia, così da poter portare avanti questa campagna in difesa dei cristiani perseguitati. [Fai la tua donazione!] Spero di poter contare ancora una volta sul tuo aiuto!
Un carissimo saluto, Silvio Dalla Valle, Responsabile Campagna Osservatorio sulla Cristianofobia Grazie al sostegno dei suoi benefattori, l’Osservatorio sulla Cristianofobia continua il suo impegno di monitoraggio e di denuncia in difesa dei cristiani perseguitati!
Una tua libera donazione sosterrà le attività dell’Osservatorio sulla Cristianofobia a tutela dei cristiani in difficoltà! [Fai la tua donazione!]
========================
Osservatorio sulla Cristianofobia, Petizione indirizzata all'anticristo massone: il Presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz, Rothschild e sodoma culto: "questa è la fine": 27 Marzo 2016. Considerato: 1. l’acuirsi dei casi di persecuzione contro i cristiani nei paesi dove è forte il fondamentalismo di matrice islamica, dove esiste ancora un regime comunista e dove l’identità nazionale è determinata esclusivamente a partire da una particolare religione; 2. l’incremento, in Occidente, di segnalazioni di intolleranza, di discriminazione e di violazione della libertà religiosa a danno di persone di fede cristiana; Soltanto una vasta mobilitazione dell’opinione pubblica potrà sollecitare le istituzioni europee e internazionali affinché prendano le misure necessarie a porre rimedio alle discriminazione e alle persecuzione ai cristiani a causa della loro fede.
Chiediamo dunque che i parlamentari europei si esprimano con fermezza contro tutti gli atti di intolleranza e di discriminazione verso i cristiani e condannino in maniera inequivocabile quello che è un vero e proprio genocidio delle minoranze religiose ad opera dell’Isis in Iraq e in altri paesi del Medio Oriente.
http://www.luci-sullest.it/petizione-ferma-cristianofobia/?origine=DNucvo-pslf-klxi
CIA GENDER OBAMA NATO ONU e ARABIA SAUDITA si stanno divorando tutti i cristiani nel mondo! 27/01/2016, Patriarca Sako: pianificata la persecuzione contro i cristiani! “Non è un segreto” che siano intervenuti dei “giocatori esterni che hanno agito in base alle proprie ambizioni nella regione”. http://www.lucisullest.it/patriarca-sako-pianificata-la-persecuzione-contro-i-cristiani/
============
my ISRAEL ] [ CHI è QUEL CRIMINALE della CIA che in UK, MI DISTRURBA TUTTO IL GIORNO LA CONNESSIONE ADSL chiavetto fastweb, INTERNET? che Dio lo ricompensi: potentemente!
==============
Richard Dawkins: «denigriamo i cristiani ma rispettiamo gli animali», Chris Maxwell. Unione Cristiani Cattolici Razionali, 4 febbraio 2016     L’ex zoologo Richard Dawkins, noto “cavaliere dell’ateismo” fino a qualche anno fa, ha trovato un interessante escamotage per riabilitare mediaticamente la sua figura. Da anni è, infatti, costantemente al centro di polemiche tanto che sono sempre più numerosi gli appelli del “movimento ateo” che invitano a rinnegarlo pubblicamente. Lo considerano controproducente, un odifreddi italiano per intenderci.
Ecco quindi l’idea di far sua una campagna tanto di moda oggi, sopratutto sui social network. Ha infatti paragonato la lotta contro gli allevamenti intensivi degli animali a quella contro lo schiavismo di due secoli fa. Lui e Sam Harris, infatti, sono stati recentemente autori di un inno alla dieta vegana, condannando l’immoralità dei “carnivori” definendoli cittadini irresponsabili. Avendo fallito nell’intento di convertire il mondo all’ateismo – lo ha ammesso Dawkins stesso – vogliono ora cavalcare la campagna del vegetarianesimo, spronando al riconoscimento dei diritti umani per i non umani. Si tratta in realtà sempre della stessa strategia: per negare Dio, si tenta di confutare l’unicità dell’uomo, della creatura. E’ una forma di laico proselitismo, come abbiamo più volte fatto notare. La cosa più curiosa, che pochi hanno fatto notare, è che questa improvvisata militanza contro la sofferenza degli animali arriva da colui che è ricordato per aver paragonato le persone di fede religiosa a dei disabili mentali e che, nel 2012, ha pubblicamente invitato a denigrare i cattolici,«bisogna prendersi gioco di loro, ridicolizzarli! In pubblico!». Oggi vegetariano per “senso etico”, un anno fa twittava: «E’ segno di civilizzazione abortire i feti con Sindrome di Down». Compassione per la sofferenza animale, molto poca per quella dei bambini vittime di abusi sessuali dato che, nel 2013, ha difeso la pedofilia. Nemmeno per le donne, Dawkins, ha mai dimostrato molta pietà: è lui ad aver inneggiato alla moralità del tradimento della propria partner -e delle conseguenti menzogne per coprirlo-, mentre nel 2011 è entrato nella classifica dei peggiori misogini dell’anno per aver intimato ad una donna di non denunciare gli abusi sessuali subiti durante un raduno ateo, per non compromettere la reputazione della comunità. Ecco perché ora ha bisogno di riabilitarsi pubblicamente abbracciando la filosofia vegana, che va forte nei salotti borghesi occidentali. Certo, non si può non condividere il senso di profonda ingiustizia per la sofferenza gratuita fatta patire agli animali, per gli allevamenti intensivi e per i maltrattamenti che subiscono (la Chiesa è spesso in prima linea da questo punto di vista). Papa Francesco ci ha resi ancora più sensibili all’importanza dell’ecologia verso il mondo naturale, espressione della bontà di Dio. Non condividiamo però la scelta etica di ricorrere al vegetarianismo, sia perché riteniamo giusto che l’uomo disponga del creato (senza sentirsene padrone, però), sia perché non la riteniamo una scelta salutare (sopratutto il veganismo, basta considerare la letteratura scientifica in merito), sia perché la riteniamo una posizione ipocrita. Ci si batte solo per gli animali verso cui possiamo esercitare il nostro antropomorfismo -ovvero cani, gatti, balene, orsi-, escludendo ipocritamente tutto il mondo degli insetti (uccisi a milioni dagli animalisti quando si recano ai loro congressi, con le ruote delle loro auto) e tutti gli animali che meno stimolano la nostra tendenza antropomorfizzante (pipistrelli, blatte, piranha ecc.). Inoltre, chi non mangia animali per “senso etico” non si fa però remore a mangiare piante, ortaggi e verdure, le quali hanno a loro volta una vita di relazione, un’intelligenza e provano sofferenza, come è stato dimostrato. Non se ne esce, se non accettando quello che ricorda giustamente il teologo non cattolico Vito Mancuso: «gli animalisti, con il loro sostenere un comportamento del tutto privo di violenza verso gli animali e con il loro volere per gli animali gli stessi diritti dell’uomo, mettono in atto un comportamento che li distanzia al massimo dal mondo animale». Nessun animale cesserà mai di mangiare carne per “senso etico” e mai «estenderà alle altre specie i diritti di supremazia che la natura» gli ha concesso su altri animali. «Tutto ciò, esattamente al contrario del naturalismo professato da alcuni animalisti, mostra in modo lampante lo iato esistente tra Homo sapiens e gli altri viventi. Se gli esseri umani lottano per estendere agli animali gli stessi diritti dell’uomo non è quindi perché non c’è differenza tra vita umana e vita animale, ma esattamente al contrario perché tra le due vi è una differenza qualitativamente infinita». Parole sante, almeno per una volta, quelle di Mancuso. Ancora di più va ricordato ciò che scrive Papa Francesco nella sua enciclica: il rispetto per il creato «non significa equiparare tutti gli esseri viventi e togliere all’essere umano quel valore peculiare che implica allo stesso tempo una tremenda responsabilità. E nemmeno comporta una divinizzazione della terra, che ci priverebbe della chiamata a collaborare con essa e a proteggere la sua fragilità. Si avverte a volte l’ossessione di negare alla persona umana qualsiasi preminenza, e si porta avanti una lotta per le altre specie che non mettiamo in atto per difendere la pari dignità tra gli esseri umani. Certamente ci deve preoccupare che gli altri esseri viventi non siano trattati in modo irresponsabile, ma ci dovrebbero indignare soprattutto le enormi disuguaglianze che esistono tra di noi, perché continuiamo a tollerare che alcuni si considerino più degni di altri. Non ci può essere autentico un sentimento di intima unione con gli altri esseri della natura, se nello stesso tempo nel cuore non c’è tenerezza, compassione e preoccupazione per gli esseri umani. È evidente l’incoerenza di chi lotta contro il traffico di animali a rischio di estinzione, ma rimane del tutto indifferente davanti alla tratta di persone, si disinteressa dei poveri, o è determinato a distruggere un altro essere umano che non gli è gradito. Ciò mette a rischio il senso della lotta per l’ambiente».
http://it.aleteia.org/2016/02/04/richard-dawkins-denigriamo-i-cristiani-ma-rispettiamo-gli-animali/

Adozioni da parte di coppie gay: i bambini crescono meglio o peggio? Con dati scientifici alla mano vi dimostriamo come molti studi siano limitati e condizionati http://aleteia.us7.list-manage.com/track/click?u=e747b6da5b523d93de77f3f8b&id=745820aae3&e=42f38c5160

VOI VOLETE PROCESSARE ISRAELE, perché farisei non vogliono venire a vivere in ARABIA SAUDITA, e quindi è per questo che, il NAZISMO DELLA SHARIA, Allah akbar morte a tutti gli schiavi dhimmi, questi SONO I NUOVI DIRITTI UMANI IN ONU KABBALAH TALMUD MARDUCK Murdoch Spa FMI, CIA GUFO FED SPA AGENDA NWO NATO? Hamas reports two killed, eight others missing after second collapse. Hamas officials confirmed on Wednesday morning the death of at least two of it's operatives in a terror tunnel collapse. Eight others were reported missing after the underground passageway caved in, according to Hamas military wing, the Izzadin al-Kassam Brigades. The incident the second time in recent weeks that an underground passageway collapsed with Hamas figures inside. Along with the announcement on Wednesday morning, the Palestinian terror group released a promotional video depicting the underground realm of Hamas' tunnel operations along with other apparent militant training. Last week, seven Hamas men were killed when a tunnel collapsed close to the Gaza Strip’s eastern border with Israel, the Islamist group’s armed wing said on Thursday. It said the collapse occurred last week as a result of heavy rain and it took two days to find the bodies and announce the deaths. Mosques across the Palestinian enclave mourned those killed, calling them “Martyrs of the Preparation,” a reference to their work digging tunnels used to attack Israel. Watch Here. Ismail Haniyeh, a Hamas leader in Gaza, said on Friday that the group will never stop digging tunnels and upgrading rockets in preparation for any possible confrontation with Israel. Haniyeh, who is also Hamas’s deputy chief, spoke to a crowd of worshipers in a Gaza City mosque during prayers that were followed by the funeral for the seven Hamas men. “There are heroes east of Gaza City, digging the rocks and building tunnels," said Haniyeh. "And west of Gaza, heroes are testing rockets every morning and every day and it is all preparations." "Under the ground and above the ground, in tunnels and above the ground and into the sky, with rockets and in the sea and everywhere, it is the permanent preparation for the sake of Jerusalem and Palestine, and for the sake of the intifada of Jerusalem and the sake of our people,” Haniyeh said. In response, Prime Minister Benjamin Netanyahu said earlier this week that Israel will respond more forcefully than it did during 2014’s Operation protective Edge it it is attacked from the Gaza Strip’s terror tunnels. Netanyahu, speaking to the annual meeting of Israel’s ambassadors and consuls-general, related to the recent Hamas threats and boasts about those tunnels. “If we are attacked from the tunnels in the Gaza Strip we will respond with great force against Hamas, with much greater force then we used during Operation Protective Edge,” he said. “I think they understand this in the region, and in the world,” he added. “I hope we do not need to do this, but our defensive and offensive capabilities are developing rapidly, and I do not suggest that anyone test us.”
Source: Jerusalem Post
==============
The Muslim plan to influence the 2016 U.S. Elections. Muslims plan to influence U.S. Election 2016 with swing states FL, OH, VA, CO, NV, IW, NH, PA https://youtu.be/cYclOANSepk
Pubblicato il 26 gen 2016, Muslims plan to influence U.S. Election 2016 with swing states FL, OH, VA, CO, NV, IW, NH, PA. Jan 03, 2016. CAIR Executive Director Nihad Awad: The Muslims Can Be the Swing Vote in Major States in the 2016 Presidential Elections. Speaking at the 14th annual MAS-ICNA conference held in Chicago on January 3, CAIR Executive Director and Founder Nihad Awad said: "We have to register every single Muslim to vote in 2016. The Muslim vote can be the swing vote in major states." Awad warned that "life for American Muslims will be difficult" if "those attacking Muslims today will be in the White House," and said that the number of Muslims was growing in the seven predicted swing states of the 2016 presidential elections – Florida, Ohio, Virginia, Colorado, Nevada, Iowa, New Hampshire and Pennsylvania.
http://www.israelvideonetwork.com/the-muslim-plan-to-influence-the-2016-u-s-elections/
=============
Netanyahu Destroys BBC Reporter’s Question at International Press Conference, PM Netanyahu Holds Press Conference for the International Media http://www.israelvideonetwork.com/netanyahu-destroys-bbc-reporters-question-at-international-press-conference/

dio Darwin religione dogmatica, teoria indimostrabile: ha detto che l'uomo è una scimmia GENDER SOdoma, è finita quindi, la dignità e la sacralità della vita umana: perché, il Talmud ha detto che, tutti gli ebrei senza genealogia paterna, sono anch'essi tutti animali dalla forma goym: non più degni della pietà, ecco perché gli ISraeliani per i sauditi: e tutta la piramide islamica dei salafiti, rappresentano il nuovo genocidio olocausto da realizzare!! Il Regno Unito dà il via alla modificazione genetica di embrioni umani, Nei centri di fecondazione assistita gli "avanzi" di un giorno potranno presto essere utilizzati come cavie umane
http://aleteia.us7.list-manage.com/track/click?u=e747b6da5b523d93de77f3f8b&id=a5a8776810&e=42f38c5160

esiste una sola Nazione al mondo che, non si si può difendere da una dichiarazione di guerra, portata da un altra nazione (Palestina) e questo stato è Israele! PERCHé ISRAELE DEVE SUBIRE QUESTO MALEFICIO, di aggressione militare, e NON SI PUò DIFENDERE? Israeli Terror Victim Describes His Miracle and Demands: Don’t Give Away Land!     Jew wounded in terror attack
WATCH: Israel Carries Out Major Chemical Attack Drill     Chemical Attack Drill in Israel
Saudi Cleric Says US Tampers with Burgers So Muslims Will Give Birth to Girls     Saudi cleric spreads propaganda
WATCH: Popular Israeli Musician Draws on Ancient Tradition for Inspiration     Mark Eliyahu Music
Divine Retribution? Roof Collapses at Funeral Honoring Terrorists Killed by Tunnel Collapse
==============
chi rimuoverà da questo cazzo di Netanyahu, la accusa infamante, di essere proprio lui un traditore carnefice di israeliani? ]  ISRAELE è l'unica Nazione al mondo che, è aggredita da 66 anni, dal terrorismo nazismo islamico sharia di LEGA ARABA, della Ummah mondiale, e che, ISRAELE non può difendersi! è l'unica Nazione al mondo che, è maledetta dai Farisei Rothschild, MALEFICATA a veder morire la sua gente di terrorismo da 66 anni! AIPAC ONU, SPA FED NWO UE NATO RUSSIA CINA, VOI VOLETE RICONOSCERE UNA NAZIONE PALESTINA CHE NON è MAI ESISTITA E NON VOLETE RICONOSCERE UNA PATRIA PER TUTTI GLI EBREI! VEDETE? TUTTI VOI DICHIARATE DI VOLER PERDERE LA VOSTRA VITA E LA VOSTRA PATRIA ANCHE! GLOBALISTI GOLDMAN SAX NKUSA, la devono smettere di minacciare di genocidio tutti gli israeliani, da oltre 66 anni! Hadar Cohen (19) – Israeli Hero Murdered After Preventing Massive Attack     Terror victim. WATCH: Netanyahu Slams UN Chief for Encouraging Terror     Netanyahu Addresses UN anti-Israel Bias [[ chi rimuoverà da questo cazzo di Netanyahu la accusa infamante di essere proprio lui un traditore? ] [ Fake ‘NY Times’ Paper Distributed by Anti-Israel Activists     fake New York Times. Ramla attack     13-Year-Old Arab-Israeli Girls Stab Israeli Security Guard in Ramla, Obama Mosque Visit     WATCH: In Visit to Mosque, Obama Praises Muslims as Patriotic Americans, Mahmoud Abbas     Palestinian Leader Abbas Meets Families of Terrorists Hours After Deadly Attack in Jerusalem, Indiana BDS     Indiana Passes Pro-Israel Bill in Latest Setback for Movement to Boycott Israel. PA Incitement     WATCH: Family of Palestinian Terrorist Proud of His Attempt to Kill Jews
==================
la NATO CIA e la LEGA ARABA hanno riempito la Siria di terroristi ed ora vogliono mandare truppe di terra a spartirsi il bottino! ] SONO SENZA PUDORE QUESTI TURCHI SALAFITI MASSONI FARISEI SAUDITI CHE HANNO MOGHERINI COME PAPPAGALLO RAPPRESENTANTE, .. E MI SEMBRA GIUSTa la loro pretesa, DATO CHE, tutti i 3,2 milioni, CRISTIANI in: Siria e IRAQ, HANNO già SUBITO IL GENOCIDIO! [ Riad annuncia truppe di terra. Damasco avverte: 'I vostri soldati torneranno a casa nelle bare'. E' l'avvertimento lanciato dal ministro degli esteri siriano Walid al Muallim commentando le affermazione delle autorità saudite di esser pronte a inviare soldati in Siria contro l'Isis
==============
"nessuno abbocca!" come: "nessuno abbocca?" ...Quindi lui fin'ora ha finanziato Hillary Clinton, per fare abboccare la gente? Cioè lui dice che nel sistema massonico la politica è una truffa? ] MI SONO SEMPRE PIACIUTE LE PERSONE SINCERE, PERCHé RENDONO SEMPRE LE COSE PIù SEMPLICI! [  Guardate la candidatura di Hillary che sta sempre piu' affondando", scrive Murdoch su Twitter. "Nessuno abbocca..!
============
Kim Jong-un [ figlio mio ] SE, TU CI PENSI un poco? se, se tu la smetti di perseguitare i cristiani, chiama il PAPA a dire la MESSA! poi, di cosa ti potrebbero accusare? poi, tu avesti più diritti umani tu, che, non tutta la LEGA ARABA! ] QUESTE CIOLE VALUTANO I SATELLITI DAL PESO! [ Seul, Corea Nord pronta 5/o test nucleare. PECHINO, 7 FEB - Il lancio del razzo nordcoreano è da valutare come un missile visto che il satellite mandato in orbita non ha alcun valore: gli 007 della Corea del Sud - citati da Yonhap - ne sono convinti, ritenendo che Pyongyang abbia tecnologie utili per un missile intercontinentale e che sia al lavoro sul quinto test nucleare dopo quello del 6 gennaio. Il satellite di oggi è stato stimato avere un peso di appena 200 kg, doppio di quello mandato in orbita nel 2012, ma inconsistente rispetto ai tradizionali da 800-1.500 kg. Corea Nord: Pyongyang, satellite in orbita. Corea Nord: oggi riunione Onu d'urgenza

MI SEMBRA UNA BUONA IDEA, DA DISCUTERE DOPO LA IMMINENTE TERZA GUERRA MONDIALE NUCLEARE di ROTHSCHILD SPA FED NWO NATO: VOGLIO TUTTO IO: LUCIFERO JABULLON è DIO, PER ORA, nella attesa degli eventi, NOI CI FACCIAMO DELLE OTTIME BASI NAVALI MISSILISTICHE ED AEREE: CON TANTI GIOCATTOLI NUCLEARI MOLTO PERICOLOSI! Il Giappone vuole dialogo con la Russia per risolvere controversie territoriali, 07.02.2016 Il primo ministro giapponese Shinzo Abe ritiene un'anomalia l'assenza di un trattato di pace con la Russia. Ha promesso di intraprendere "negoziati difficili" con la Russia sulla questione dei "Territori del Nord": http://it.sputniknews.com/politica/20160207/2048429/Abe-Curili.html#ixzz3zULrHR97

LA MATTANZA DI ERDOGAN, CONTRO I CURDI ERA NELL'ARIA, da molto tempo, lui usa anche, ISIS sharia, per i suoi scopi imperiliastici SULTANATO NEW OTTOMANO: E QUESTO è ANCHE IL MOTIVO PER CUI AL-SISSI HA DETTO AD AL-SALMAN: "OK COMANDA TU IN EGITTO, E FAI IL TERRORISTA DI ITALIANI E RUSSI AMMAZZATI A MODO TUO!" [ Emirati Arabi pronti ad inviare truppe di terra in Siria ] : http://it.sputniknews.com/mondo/20160207/2047654/Turchia-Ankara.html#ixzz3zUP8ac4X, perché, quando questi ragazzi di terroristi vanno via? soltanto i loro musulmani salafiti sono quelli che rimangono: quindi, la LEGA ARABA istituzionalizza, il suo genocidio dei dhimmi! E SE IRAN NON INTERVIENE IN FAVORE DEI CURDI IRAKENI? ANCHE LORO SI ESTINGUERANNO IN QUESTA MALEDIZIONE DI GENOCIDIO UNIVERSALE DELLA sua LEGA ARABA sharia! E SE ERDOGAN ENTRA IN SIRIA E IRAQ CON I SUOI PAESI DEL GOLFO? POI, PER CACCIARLI? SARà 1000 VOLTE PIù SANGUINOSO! Esercito turco inizia a combattere nella roccaforte dei curdi del PKK, 07.02.2016) Il centro della città turca di Diyarbakir è diventato teatro degli scontri tra i militanti curdi del PKK da una parte e l'esercito turco e la polizia dall'altra. Il quartiere Sur è stato transennati dai militari turchi. Nel centro della città turca di Diyarbakir, dove si scontrano gli indipendentisti curdi e le forze di sicurezza di Ankara, è in corso una violenta battaglia con mitragliatrici e mortai, segnala il corrispondente di "RIA Novosti dal posto. Il rumore delle armi e delle esplosione si può sentire in tutta la città. Nel luogo della guerriglia sono arrivate diverse ambulanze scortate dalla polizia per poter prendere i feriti. Nel centro di Diyarbakir, considerata la "capitale" dell'indipendentismo curdo, si trova il quartiere storico di Sur. Ci sono diversi monumenti architettonici, in particolare una linea di bastioni, alcuni dei quali appartengono al 4° secolo a.C. All'interno della fortezza si trovano antiche chiese e moschee. Negli ultimi mesi il quartiere Sur è diventato il campo di battaglia tra i militanti curdi del PKK da una parte e l'esercito turco e la polizia dall'altra. Ora la zona è isolata dai militari turchi, che stanno bombardando le posizioni dei ribelli curdi. Il sindaco di Diyarbakir Firat Unley ha riferito a "RIA Novosti" che quasi 50 mila residenti di Sur su 70mila hanno lasciato le proprie case. A dicembre il governo turco aveva annunciato il coprifuoco in alcune regioni a maggioranza curda nel sud-est del Paese, in particolare nelle zone di Sur, Diyarbakir, Cizre e Silopi della provincia di Sirnak, così come Nusaybin e Dargecit della provincia di Mardin. A Cizre e Sur combattono casa per casa i ribelli curdi del PKK e le forze di sicurezza di Ankara. Secondo lo Stato Maggiore turco, da metà dicembre nelle zone dell'operazione anti-terrorismo sono stati uccisi più di 750 ribelli curdi. A loro volta gli attivisti curdi sostengono che la maggior parte delle vittime dell'esercito turco sono i civili: Turchia, serie raid militari uccidono centinaia di ribelli curdi Turchia, arrestati accademici per appello pace con i curdi Turchia, assassinato l’avvocato dei curdi La Turchia minaccia operazioni militari contro gli alleati curdi degli USA in Siria Della politica di Erdogan restano le rovine: http://it.sputniknews.com/mondo/20160207/2047654/Turchia-Ankara.html#ixzz3zUNZTyPy

IL PRIMO CHE HA INVENTATO IL DAESH ISIS SHARIA? è STATO MAOMETTO CHE ERA UNO DI LORO! E QUESTO è L'UNICO MODO PER CUI UNA RELIGIONE NAZISTA sharia islamica SI PUò DIFFONDERE NEL MONDO: che poi quel territorio diventa in Eterno un muslims country! MA IL LORO DIO LUCIFERO ALLAH? LUI è FELICE COSì! MI DISPIACE DOVER STERMINARE LA LEGA ARABA, MA, NON ESISTE UN PIANO "B"! (07.02.2016) Secondo la posizione degli Emirati Arabi, la campagna contro i terroristi del Daesh (ISIS) della coalizione guidata dagli Stati Uniti prevede l'impiego di forze di terra, ha dichiarato il ministro degli Esteri Anwar Mohammed Qarqash. http://it.sputniknews.com/mondo/20160207/2048607/USA-Terrorismo-Daesh.html#ixzz3zURJkq5G

PER DISTRUGGERE DEFINITIVAMENTE LA CIVILTà EBRAICO CRISTIANA E REALIZZARE IL CALIFFATO DI ROMA, I SODOMITI MASSONI BILDENBERG DARWIN GENDER ROTHSCHILD SPA FED SPA FMI, LORO VOGLIONO ATTACCARE LA RUSSIA IN EUROPA PER DISTOGLIERLA DAL MEDIO ORIENTE! IN QUESTO MODO LA RUSSIA NON POTRà SOCCORRERE ISRAELE, COME IO GLI ORDINATO DI FARE!  06.02.2016, NATO pronta al via libera per aumentare la presenza militare in Europa orientaleL'Alleanza Atlantica intende aumentare il suo contingente in Polonia, Lettonia, Lituania ed Estonia, scrive il “Wall Street Journal”. Secondo le attese, sarà il più grande dispiegamento delle forze NATO in Europa dalla fine della guerra fredda: http://it.sputniknews.com/mondo/#ixzz3zUSvlfe7

ISRAELE deve smettere di attendere passivamente gli eventi, e deve agire, ESPANDERSI, prima che inizi la guerra mondiale! Se, lui agisce, brutalmente, anche, la guerra mondiale contro, la Russia può essere evitata, ed, in ogni modo è assolutamente indispensabile che il conflitto mondiale non inizi in Europa! ISRAELE PUò CONCORDARE I PIANI DI ATTACCO, SEGRETAMENTE, INSIEME ALLA RUSSIA, ANCHE PERCHé PER LA RUSSIA è STRATEGICO NON RICEVERE UN ATTACCO DELLA NATO IN EUROPA! Abu Mazen e parlamentari arabo-israeliani rendono omaggio ai terroristi che uccidono innocenti, Nello stesso giorno in cui in Israele vengono condannati (non certo celebrati) gli assassini dell’adolescente palestinese Abu Khdeir, Poche ore dopo l'attacco terroristico palestinese di mercoledì alla Porta di Damasco a Gerusalemme costato la vita all’agente di polizia Hadar Cohen, di 19 anni, il presidente dell'Autorità Palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen) ha ricevuto nel suo ufficio a Ramallah i famigliari di undici terroristi http://www.israele.net/abu-mazen-e-parlamentari-arabo-israeliani-rendono-omaggio-ai-terroristi-che-uccidono-innocenti

Forze israeliane e considerazioni morali
Il fatto stesso che si ponga un dilemma morale riflette il carattere più autentico delle Forze di Difesa israeliane
Questa è una storia di cui non avrete sentito sui mass-media, né in Israele né all'estero. A quanto pare, non è abbastanza interessante
Leggi tutto l'articolo ›
4 febbraio 2016 Attualità
Per non affondare nel “divario della pace”
I palestinesi sono lontani anni luce dall’essere pronti per un accomodamento amichevole con Israele.
E’ possibile opporsi all’attuazione della soluzione a due stati nelle attuali circostanze, pur essendo favorevoli a tale soluzione in linea di principio?
Leggi tutto l'articolo › http://www.israele.net/
3 febbraio 2016 Attualità
La miope tentazione unilaterale di Parigi
Perché la Francia dà per scontato che la mancanza di progressi negli ipotetici colloqui tra Israele e palestinesi sarebbe colpa di Israele e solo di Israele?
Un giorno soltanto dopo aver srotolato il tappeto rosso ai piedi del presidente iraniano Hassan Rouhani, il governo francese ha rivolto le sue attenzioni a Israele
Leggi tutto l'articolo › http://www.israele.net/
2 febbraio 2016 Attualità
Hamas non esita a usare i malati di cancro per aggirare i controlli anti-terrorismo israeliani ai confini di Gaza
Ecco chi sono i veri responsabili della chiusura della enclave sotto regime islamista
I continui tentativi da parte di Hamas di sfruttare i permessi di entrata rilasciati da Israele a palestinesi residenti nella striscia di Gaza stanno mettendo a rischio il futuro rilascio di permessi e lo sviluppo stesso della enclave palestinese.
Leggi tutto l'articolo › http://www.israele.net/
1 febbraio 2016 Attualità
Quei giornalisti occidentali che si coprono di ridicolo
Preoccupante il tasso di ignoranza, presunzione e pregiudizi nei mass-media che si occupano di conflitto israelo-palestinese

Di Khaled Abu Toameh Di recente due giornalisti occidentali hanno chiesto di essere accompagnati nella striscia di Gaza per intervistare i coloni ebrei che vi abitano. No, non è l'inizio di una barzelletta.
Leggi tutto l'articolo › http://www.israele.net/
29 gennaio 2016 Attualità
Ubriaco, fumato e imbottito di propaganda jihadista
Ecco “l’eroe della resistenza palestinese”, che ha filmato se stesso prima di uccidere tre israeliani a Tel Aviv
Nashat Milhem, il terrorista arabo israeliano che lo scorso primo gennaio ha aperto il fuoco sugli avventori di un bar a Tel Aviv uccidendo due persone e poi ha ucciso il guidatore di un taxi che aveva usato per allontanarsi dal posto, stava pianificando nuovi attentati
Leggi tutto l'articolo › http://www.israele.net/
28 gennaio 2016 Attualità
Quando l’Onu giustifica il terrorismo (ma solo quello contro Israele)
Netanyahu a Ban Ki-moon: “I terroristi palestinesi non vogliono costruire uno stato: vogliono distruggere uno stato, e lo dicono apertamente”
Le parole di Ban Ki-moon "fomentano il terrorismo”. Questo il duro commento del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu alle dichiarazioni del Segretario generale dell'Onu
Leggi tutto l'articolo › http://www.israele.net/
27 gennaio 2016 Attualità
Sondaggio: la maggior parte degli israeliani disposta a seri sacrifici pur di accogliere i nuovi immigrati
L’Organizzazione Sionistica ha creato una task force col compito di eliminare le troppe barriere burocratiche
Alla luce dell’allarmante ondata di antisemitismo che ha investito l'Europa, la maggioranza degli israeliani approva l'idea di offrire ai nuovi immigrati maggiori benefici economici e occupazionali anche a scapito degli stessi israeliani già residenti.
Leggi tutto l'articolo › http://www.israele.net/
26 gennaio 2016 Attualità
L’Occidente apre all’Iran mentre Teheran indice di nuovo un concorso di vignette per sbeffeggiare i morti della Shoà
Il presidente della Knesset: “Non ci sono parole abbastanza forti per descrivere il disprezzo e lo sdegno”
L'Iran ha annunciato che terrà una nuova edizione del concorso di vignette negazioniste sulla Shoà. Quest'anno il premio del concorso è stato aumentato da 12.000 a 50.000 dollari.
Leggi tutto l'articolo › http://www.israele.net/
===================
Netanyahu ANCHE UN IDIOTA SI ACCORGEREBBE CHE GLI USA TI HANNO TRADITO! Netanyahu, IO TI FARò METTERE A MORTE COME TRADITORE, SE GLI ISLAMICI NON TI AVRANNO GIà UCCISO! ACCORDATI CON LA RUSSIA E FAMMI ARDERE TUTTO IL MEDIO ORIENTE!

Ue: #Van #Rompuy, contratti riforme in 2014. [ SMETTILA, NAZISTA, BARBAGIANNI, ANTICRISTO, CON TUTTE LE TUE ALCHIMIE MASSONICHE, DI AVERE RUBATO LA NOSTRA SOVRANITà MONETARIA, E DI AVERE CALPESTATO LA CIVILTà CRISTIANA, VIENI AL VOTO, DEI POPOLI EUROPEI, CHE, IO TI DISTRUGGO! ] Verso fine anno, rimandata ancora oltre la scadenza. 20 dicembre, #Ue, #Van Rompuy, contratti riforme in 2014 #BRUXELLES, La Ue rimanda "la finalizzazione dei contratti per le riforme ad ottobre 2014", spingendo ancora più in là la scadenza che si era data nei mesi scorsi: lo ha detto il presidente della Ue Herman Van Rompuy al termine del vertice tra i leader dei 28. " #Unione bancaria, è il più grande passo, in avanti dalla creazione dell'euro", ha detto, e "siamo soddisfatti che, con l'accordo sul meccanismo unico di risoluzione, il suo cammino vada come stabilito".

#Gerusalemme, ( #Israele, non fermeremo la costruzione di #insediamenti ) "Non fermeremo, neanche per un attimo, la costruzione del nostro Paese, e l'iniziativa degli insediamenti", dice: #premier #israeliano Benjamin ##Netanyahu, rispondendo al suo #Likud. Dichiarazioni che avvengono mentre #Washington (i #satanisti, #massoni, #Nwo, #farisei #anglo-americani #bildenberg, Spa, Fmi) hanno chiesto a Israele di non annunciare nuove gare d'appalto, per costruire alloggi. La presidenza palestinese, ha accusato #Tel Aviv di volere, "far fallire gli sforzi americani, e internazionali per la pace". Quindi, presto assisteremo ad una resa dei conti, tra, gli ebrei fedeli a JHWH, che vogliono ritornare in #palestina, e gli ebrei satanisti, che, vogliono continuare a schiavizzare il mondo attraverso, la predazione, del signoraggio bancario, che, #Spa, #Fmi, ha rubato! Perché, se ai satanisti non viene sottratto, il Fmi, la terza guerra mondiale, che, stritolerà la #Lega #Araba, come, sono stati stritolati i nazisti? sarà inevitabile! e poi, è proprio vero, che, loro sono i #nazisti, #talebati, capa di pezza, burqa, imperialistri della #sharia, #califfato #mondiale, assassini, di ogni diversità, di poveri #dalit, #goym, schiavisti di innocenti, #dhimmi! ma, per oggi, per, #Ue, #Onu, #Usa, degli anticristo, quelli della #Lega #Araba, sono brave persone,

A Guardiagrele, Giacinto Auriti 77 anni, batte moneta?!
Postato in Interviste al professore
A Guardiagrele, paese di diecimila persone in Abruzzo, Giacinto Auriti, 77 anni e già docente di teorie monetarie, ha, "inventato" una moneta (il Simec) che, in meno di un mese, ha soppiantato la lira. Tutti vogliono il Simec che vale ormai il doppio della lira, ma come è possibile ciò?
risponde Michela Auriti, giornalista, figlia di Giacinto Auriti
Per tutta la vita, mio padre ha condotto una battaglia: togliere la proprietà della moneta alla Banca d'Italia e darla ai cittadini. Ora, a 77 anni, sta realizzando il sogno di creare ricchezza nelle mani della gente.
A Guardiagrele, cioè nel suo paese, papà cambia lire in Simec, sigla che sta per "Simbolo econometrico di valore indotto" e che, di fatto, è diventata moneta locale. Funziona così:
con 100 mila lire si comprano 100 mila Simec.
Ma nei negozi del paese che lo accettano, il suo valore d'acquisto è doppio rispetto a quello della lira.
Un telefonino da 800 mila lire, perciò, ne costa 400 mila. Questo è possibile perché, alla fine del ciclo, i negozianti si presentano da mio padre che "ricompra" il #Simec al doppio. Una pazzia? Per ora è un successo. La gente spende, compra di più, nel paese che già molti chiamano la "piccola Svizzera". Un vecchietto ha detto a mio padre: "M'hai raddoppiato la pensione!".
Ci ha fatto una certa impressione, in famiglia, vedere papà al telegiornale, con le sue banconote filigranate, infalsificabili. Come può fare una cosa del genere? E con quali rischi? "Io non batto moneta", ha risposto lui. "Il #Simec è come un francobollo d'antiquariato, che, raddoppia il suo valore nelle mani di chi lo accetta. Più circola, più si produce ricchezza, più aumenta il suo valore.
E la logica è quella del baratto. È come avere in mano un " #Gronchi rosa", il cui valore di milioni è una convenzione". Papà, ma è venuta la Guardia di finanza, "Sì, e ha constatato che non c'è alcuna irregolarità. Nei negozi dove si acquista in Simec, il cassiere batte lo scontrino e allo Stato questo interessa: che si paghino le tasse. Ma, se la Banca d'Italia stampa, e presta, indebitando i cittadini, io stampo e do. Non ci guadagno nulla: semmai ci rimetto". Sull'onestà di mio padre sono pronta a giurare, non solo io, che, sono la figlia, ma, anche tutti i #guardiesi e molte migliaia di #abruzzesi: chi avrebbe dato fiducia a un uomo di 77 anni, che cambia lire in #Simec, se non fosse noto per il suo buon nome? Chiedo a mio padre cosa accadrebbe se, tutti insieme, i commercianti chiedessero indietro le lire. "Non succederà", dice lui, segnalato per il #Nobel. "Hanno un valore che vorranno tenersi e il #Simec viene già richiesto, anche dai collezionisti. Inoltre questo esperimento è già consolidato in molte città americane, tra cui #Halifax, e #Ithaca, dove la moneta locale circola assieme al #dollaro". Intanto il mio direttore m'ha preso in giro: "II prossimo stipendio tè lo do in Simec!". Lo dico a papà, e lui: "Bravo, ha capito". Fonte: settimanale " Oggi " pubblicato sul numero 34 del 17 agosto 2000.

[ ALTRO CHE EURO: IO VOGLIO LA MONETA CITTADINA ] Postato in Interviste al professore. II denaro appartiene ai cittadini, che dovrebbero riceverlo senza lavorare. Le banche truffano e fanno usura. #Bankitalia viola la #Costituzione. Chiunque può coniare a suo piacere. Sono le teorie "estreme" dell'economista #Giacinto #Auriti, che però ottengono consensi e potrebbero diventare legge. Gli daranno il Nobel? Di Gianni Franchini
Quella di Giacinto Auriti, docente di #Diritto #monetario all'università di #Teramo, è una battaglia che, ha il fascino delle battaglie considerate, forse a torto, impossibili. E come sempre capita in questi casi, le enunciazioni teoriche che, le illustrano provocano in chi le ascolta uno spettro di emozioni che, va dalla curiosità all'incredulità, dalla derisione all'adesione.
Se, si chiede al professor Auriti cosa pensa della nascita e soprattutto del futuro dell'Euro risponde:
"Dipende se la Banca centrale europea stamperà carta moneta per accreditare o per prestare. Nel secondo caso sarà una catastrofe, soprattutto per le future generazioni. L' Europa della moneta unica si dissolverà come le vecchie monarchie europee". Un parere con cui Auriti, mutua una sua vecchia teoria monetaria, già applicata alla Lira e che per l'Euro porta alle stesse conclusioni, anche se moltiplicate per il numero degli Stati coinvolti nella moneta unica. Ovvero: il nostro sistema monetario, così come quelli degli altri Paesi, vive su una grande finzione, quella del valore collegato alla moneta. "Le banche centrali emettono carta moneta con il metodo del prestito: ogni emissione di denaro è in realtà un nuovo debito a carico dei cittadini senza però che si sia creato, come sempre succede, un rapporto consensuale tra creditore e debitore. Il discorso dovrebbe essere diverso. Il denaro è di proprietà dei cittadini e quindi dovrebbe essere accreditato ai cittadini, non prestato. E come se lei passasse vicino ad una miniera e trovasse una pepita d'oro. Che fa? La prende, è ovvio, e se la mette in tasca. La pepita quindi è di sua proprietà, può farne quello che vuole. Secondo la logica alla base dei sistemi monetari attuali, invece, quella pepita non è la sua, è della miniera. Lei è quindi debitore di una pepita alla miniera, che gliel'ha solo prestata".
E cosa dovrebbe fare la Banca d'Italia per accreditare il denaro ai cittadini?
"Semplicemente darglielo, erogarglielo. Sono due i principi che andrebbero affermati: uno,ogni emissione di denaro da parte della Banca d'Italia è di proprietà dei cittadini; due, il denaro deve essere effettivamente erogato i loro. Come? Attraverso ad esempio un codice dei redditi sociali, il contrario del codice fiscale. "Attraverso il codice fiscale il cittadino paga le tasse, con il codice dei redditi sociali il cittadino incassa i soldi. E la gente che crea il valore delle banconote, per il solo fatto di essere viva e scambiarsi moneta". I soldi senza lavorare? Una pacchia senza fine, addio lavoro e problemi, "Io propongo un reddito basato sulla cittadinanza che ovviamente andrebbe sommato al reddito prodotto dal lavoro, in modo che si lavori di meno e che l'uomo si goda di più la vita". Andiamo professore, ma lei ci crede veramente a questa rivoluzione?
Guardi che io non improvviso affatto. Questa teoria è il frutto di trentaquattro anni di studio e ho ricevuto complimenti e apprezzamenti da studiosi di economia da tutto il mondo e anche una proposta di candidatura al premio Nobel". Ma come si fa ad immaginare la #Banca #Italia, che regala i soldi ai cittadini?"Il denaro e il suo valore sono solo una #convenzione. Non è vero che la gente accetta i soldi perché hanno valore. E vero esattamente il contrario: hanno valore perché la gente li accetta, ma, non sono ne un bene raro ne prezioso".
E le riserve auree? "Una barzelletta. Sono state abolite dall'accordo di #Bretton #Wood. Quella operata dalla Banca d'Italia è una truffa: sui biglietti c'è scritto "pagabili a vista al portatore", in banca, cioè dovrebbero dare l'equivalente in oro, ma non è vero, non danno niente, perché le riserve sono state abolite. Non c'è nessun oro, c'è solo carta". Su quest'incongruenza, a dire il vero, un certo consenso c'è. Ad esempio, Beppe Grillo ne ha fatto i uno sketch del suo ultimo spettacolo: "La Banca d'Italia ci presta quella che non è che carta a un interesse del 200 per cento e se questa non è usura, Noi viviamo nell'usurocrazia con i politici che fanno i camerieri dei banchieri".
Andiamo, professore, questa storia della convenzione sembra troppo facile, a questo punto chiunque potrebbe battere moneta, "Infatti ci si deve avviare su questa strada. In America sono già sessanta le città, che, hanno una propria moneta e anche in Italia, si è tentato qualcosa, ma si ha sempre una sorta di timore reverenziale della Banca d'Italia". In effetti la tesi del conio locale sta trovando sempre maggiori e più autorevoli appoggi ed è stata di recente oggetto di alcuni studi in Gran Bretagna. Inoltre - Auriti forse non lo dice per opportunità - si vocifera che lo stesso sindaco di Chieti, Nicola Cocullo, starebbe valutando con interesse l'ipotesi di una zecca cittadina. E non fa cenno neanche ( "roba vecchia," taglia corto) ad alcuni incidenti sospetti dei quali è stato vittima. E pienamente disponibile, invece, a parlare di un'iniziativa clamorosa. "Ho denunciato il Governatore,". Come, come? Ci racconti quando, come e perché. "Una citazione civile. Ho chiesto al tribunale di dichiarare l'illegittimità e l'illegalità delle prerogative riservate alla Banca d'Italia di battere moneta esclusivamente e oltretutto di darla in prestito. A mio parere l'Istituto viola la legge e la Costituzione e nessuno dice niente perché si ha la convinzione generale che la possa violare. Fa piacere però che non sono più il solo a sostenere questa teoria, gli incoraggiamenti si moltiplicano e anche il Parlamento si è finalmente svegliato. Già dalla passata legislatura c'è alla Camera un progetto di legge che recepisce la mia teoria e che già prevede, tra l'altro, l'istituzione del codice dei redditi sociali". Fonte: pubblicato dal settimanale – lo STATO – del 23 giugno 1998 - rubrica economia - pag. 80
INTERVENTO DEL PROF. GIACINTO AURITI AL CONVEGNO - GIUSTIZIA MONETARIA -
Postato in Interviste al professore
" LA PROPRIETÀ POPOLARE DELLA MONETA " Penso che la cosa più scandalosa successa oggi è di avere avvicinato due parole che fino ad oggi sono state incompatibili, MONETA E GIUSTIZIA. Quando sentiamo parlare della moneta, la sentiamo parlare come se fosse il demonio. Ecco che allora abbiamo avuto la necessità di parlare di giustizia e della verità della moneta.
Che cosa è la moneta e perché la moneta ha valore. Aristotele è stato il primo a definire la moneta con tre parole, cioè la moneta è la misura del valore. Dopo 2500 anni a quelle tre parole di Aristotele noi ne abbiamo aggiunte altre tre, la moneta non è solo la misura del valore, ma è anche valore della misura, perché ogni unità di misura ha la qualità corrispondente a quello che deve misurare. Il metro ha la qualità della lunghezza, la moneta ha la qualità del valore. A questo punto abbiamo detto che cosa è il valore. Ci siamo trovati di fronte ad un'espressione di Pitagora e cioè " esiste la magia del numero ", perché la moneta come ogni misura è un numero.
Dove sta la magia di questa misura?
Pur essendo il simbolo di questo, di costo nullo come un pezzo di carta, una conchiglia o lo scarabeo di argilla degli egiziani, acquista un valore illimitato corrispondente all'ammontare del numero. La magia del numero, noi l'abbiamo risolta. Il problema, parlando della circolarità delle scienze, è la prima volta che si applica tale principio, cioè quando in una categoria scientifica non si trova la soluzione di un problema, si può ricorrere ad un'altra categoria scientifica ed applicare il principio per analogia. Dopo trentaquattro anni di ricerca all'università, noi abbiamo scoperto che per risolvere il problema della magia del numero noi dovevamo utilizzare l'indotto fisico della dinamo. Come la dinamo trasforma l'energia meccanica nell'energia elettrica per l'indotto fisico, così la moneta trasforma il valore di una convenzione che è una fichio iuiris, perché è una mera fattispecie giuridica, in un bene reale oggetto di proprietà che è la moneta.
Fino ad oggi i monetaristi non hanno affrontato il tema della moneta, hanno ridotto il problema della moneta a merce, il valore non sta nello spazio, il valore sta nel tempo, perché il valore è una previsione, lo dico che questa penna ha valore perché io prevedo di scrivere, quindi il valore è rapporto dal momento della previsione, al momento previsto. La moneta ha valore perché prevedo di comperare e la previsione che crea il valore. Naturalmente fatta questa precisazione, non abbiamo parlato dell'indotto. [ Che cosa è il valore indotto? ] È tempo oggettivato. Qui ci siamo trovati di fronte ad un altro grande problema. Quando Kant affronta il problema del tempo, dice che il tempo è l'attività pensante dell'uomo e lì si pone come realtà. Passato, presente e futuro su un atto di memoria e di previsione e di constatazione. Avendo ridotto il tempo all'io pensante non esiste l'oggettivazione del tempo.
Il tempo come oggetto non esiste. Noi abbiamo scoperto che se l'oggettivazione del tempo, applicando il principio della precisazione è punto di osservazione, che è un criterio fondamentale dell'interpretazione e dei fenomeni. Un mio collega all'università mi ha detto, quando tu consideri il principio dell'osservazione ti rendi conto perché Galileo non era una persona intelligente. Quando Galileo parla del sole che gira attorno alla terra, o la terra attorno al sole, dice che è la terra che gira attorno al sole, dimenticandosi di osservare il punto di osservazione. Se io mi metto sulla terra è il sole che gira attorno alla terra, se prendo come punto di osservazione il sole è la terra che gira attorno al sole. Precisando il punto di osservazione si ha Ia possibilità di precisare finalmente l'oggetto che è il fenomeno sottoposto alla nostra ricerca scientifica.
Quale è il punto di osservazione del tempo monetario?
L'io presente che è il punto di osservazione del tempo è la costante del tempo. L'io presente del tempo monetario, cioè del valore monetario è il portatore della moneta. Il portatore della moneta considera il tempo passato e il tempo futuro come diverso dal presente, quindi oggettivizza il tempo. Tanto è vero che per lui la moneta non è il nulla, come ha detto Massimo Fini, il neutralismo monetario.
La moneta ha valore perché il tempo oggettivato è il potere di acquisto, questo da la possibilità di prevedere di poter comprare. Precisando il punto di osservazione della dimensione temporale noi finalmente abbiamo aperto una finestra nuova sul mondo dei valori monetari. A questo punto abbiamo fatto un esperimento. In questo esperimento ci voleva un paese che avesse determinate qualità. Innanzi tutto una certa importanza numerica come Guardiagrele, una seconda qualità è quella che tutti conoscono tutti, questa era la base per far nascere un valore quale è quello della moneta. Noi con l'esperimento del SIMEC abbiamo dimostrato che si può creare con la carta il valore dell'oro.
Ho messo in circolazione 600 milioni di SIMEC, ho creato una liquidità immediata di 1 miliardo e 200 milioni, la Guardia di Finanza mi ha confermato, che il riciclaggio di questa liquidità ha creato 5 miliardi e mezzo di movimento, lo non posso dire i nomi e precisare le circostanze, ma ho salvato uomini dalla disperazione, erano sull'orlo del suicidio. Uno dei record di questo paese è purtroppo il suicidio.
Questa malattia sociale è nata dopo l'avvento della moneta debito.
Cosa è la moneta debito?
È il veleno che s'immette nel sangue del mercato. Il vaso capillare del sangue monetario è la branca del popolo, la tasca del cittadino. Noi dobbiamo dare ad ogni cittadino un reddito monetario di cittadinanza, perché questo valore è un valore indotto, se la moneta gira crea potere di acquisto. A questo punto abbiamo posto il secondo quesito di chi è la moneta?
Con l'avvento della moneta nominale nel 1694 con la sterlina della Banca d'Inghilterra sono cambiate le grandi regole del gioco. Il sangue monetario trasporta potere d'acquisto che è l'ossigeno del mercato. Questo sangue è avvelenato dal debito, tanto è vero che la Banca Centrale emette moneta solo prestandola.
Questa teoria potevamo accettarla all'origine, quando la banca diceva la moneta è mia perché la riserva d'oro è mia. Siccome la banca concepiva la moneta come titolo di credito rappresentativo della riserva, era autorizzata a dire io ti do il simbolo carta, che è un titolo di credito rappresentativo dell'oro che è mio, la moneta è mia e te la posso prestare.
Con la data del 15 agosto 1971, con la fine degli accordi di Bretton Woods, la riserva è stata abolita, quindi la banca centrale non può più dire che la moneta è mia, perché è falso. Oggi sui giornali è apparsa la grande notizia che la Banca Centrale Europea afferma di avere la proprietà della moneta pur senza avere la riserva.
Che cosa significa questo?
La Banca Centrale Europea espropria i popoli, perché con la fine degli accordi di Bretton Woods ne abbiamo avuto la prova che la moneta è diventata come un francobollo di antiquariato che ha valore per la convenzione del mercato e senza riserva. Di chi è allora la moneta?
La moneta deve essere del popolo e non della banca centrale. La banca centrale anche dopo il 15 agosto del 1971 ha continuato a comportarsi così come se avesse ancora la riserva. Ancora oggi Duisemberg ha dichiarato, di fronte alla richiesta fatta dal ministro Tremonti, di sostituire alle monete di metallo di 1 e 2 euro i biglietti di carta, affermando che: dovete rinunciare al signoraggio - che per il piccolo taglio ha già una dimensione astronomica di 1 miliardo e 400 milioni di euro.
Il signoraggio alla proprietà della moneta per gli spiccioli, cioè della moneta metallica è dei popoli e per i grandi tagli di chi è?
Ecco che cosa significa gridare ai quattro venti come ha fatto Duisemberg di avere il diritto di rubare. Quando la banca centrale dice la moneta è mia viola il trattato di Maastricht. In questo trattato non c'è una parola dedicata alla proprietà della moneta, non c'è una parola dedicata al signoraggio ecco perché noi abbiamo detto che la verità molte volte si costruisce nella falsità. Le cose più difficili da scoprire sono le cose ovvie. Quando la Banca Centrale Europea dice: oggi io ho il signoraggio, vuol dire che ha la differenza tra costo tipografico e valore nominale della moneta. La banca centrale dopo l'abolizione degli accordi di Bretton Woods del 15 agosto del 1971, dovrebbe essere compensata con l'ammontare che normalmente è dovuto ad una tipografia, pagata esattamente sulla base dei costi tipografici perché la riserva non c'è più. Se non c'è più la riserva con quale diritto ci espropria e ci indebita dei soldi nostri. Questa mattina abbiamo preparato un documento che vi leggo: Comunicato stampa. Guardiagrele 13/09/2002 ore 16.43.
I promotori del manifesto per la giustizia monetaria e della proprietà popolare della moneta hanno appreso con sentimento di viva indignazione, il messaggio che il governatore della Banca Centrale Europea Duisemberg, ha inviato al ministro Tremonti in merito alla sua proposta di sostituire le monete da 1 e 2 euro con simboli cartacei. Il presidente della banca centrale recita testualmente: " In linea di principio non abbiamo nulla in contrario, mi auguro però che il ministro Tremonti sia consapevole che così perderebbe i proventi del diritto di signoraggio. ". " Premesso che il signoraggio è la proprietà dei valori monetari, pari alla differenza tra costo tipografico o di conio e valore nominale, costatato che la banca poteva affermare di essere proprietaria della moneta quando l'emissione era basata sulla riserva aurea essendo la moneta concepita come titolo di credito rappresentativo della riserva. Rilevato che alla data del 15 agosto 1971 con la fine degli accordi di Brettos Woods la riserva è stata abolita, da questa data la banca non è più legittimata ha emettere la moneta prestandola seguendo la regola del signoraggio, che nessuna norma del trattato di Maastricht considera la titolarità della proprietà, ossia del signoraggio sulla moneta all'atto dell'emissione, appare evidente che il valore monetario non è più causato dalla riserva, ma dall'accettazione convenzionale della collettività nazionale. " " Siamo noi che creiamo il valore della moneta, non è la banca centrale, quando emette la moneta lei c'è la deve accreditare e non addebitare. Con un piccolo inciso faccio notare che quello che stiamo dicendo è ovvio ed il notorio non ha bisogno ne di prove ne di accertamento pregiudiziale. Se il governo non prende atto di questa nostra dichiarazione tradisce gli interessi nazionali. "
Pertanto appare evidente che il valore monetario non è più causato dalla riserva che non esiste, ma dalla accettazione della convenzione delle collettività nazionali. La proprietà della moneta va attribuita al portatore ossia alla collettività nazionale che ne creano il valore convenzionalmente per il solo fatto che l'accettano.
Poiché alla luce delle dichiarazioni del presidente della BCE, emerge l'affermazione abusiva che il diritto di signoraggio è della Banca Centrale Europea, in palese violazione del trattato di Maastricht, poiché dopo la recente scoperta del valore indotto è dimostrato che il valore monetario nasce non nella fase della emissione, ma nella fase dell'accettazione.
La proprietà della moneta va attribuita hai paesi membri dell'unione europea. Prendiamo atto che il merito del ministro Tremonti è di aver messo il dito nella piaga, in modo ché emergesse dalla dichiarazione Duisemberg che si vuole lasciare solo agli stati l'elemosina proveniente dal signoraggio degli spiccioli, riservando cosi il dominio della massa monetaria agli usurai della Banca Centrale Europea.
Venerdì 13 settembre 2002 Guardiagrele ( Chieti )

Prince Charles criticises 'organised persecution' of Middle East Christians
Published: December 18, 2013
Muslim–Christian relationship in danger of being 'destroyed', says Prince
Share on facebookShare on twitterShare on google_plusone_shareShare on redditMore Sharing Services19
Left to Right: Prince Charles, Abba Seraphim and Bishop Angaelos at the Coptic Orthodox Church Centre.Left to Right: Prince Charles, Abba Seraphim and Bishop Angaelos at the Coptic Orthodox Church Centre.
Coptic Orthodox Church UK
The Prince of Wales, heir to the British throne, has added his voice to those calling for an end to the persecution of Christians in the Middle East.
After a visit to the London cathedral of the Syriac Orthodox Church, Prince Charles said he was "deeply troubled" by the "growing difficulties" faced by Christians in the region.
"It seems to me that we cannot ignore the fact that Christians in the Middle East are, increasingly, being deliberately targeted by fundamentalist Islamist militants," he said.
Noting Christianity's roots in the region, the Prince observed that today the Middle East and North Africa have the lowest concentration of Christians in the world – just four per cent – and that this has "dropped dramatically over the last century and is falling still further".
He said that the effect of this was that "we all lose something immensely and irreplaceably precious when such a rich tradition dating back 2,000 years begins to disappear".
Echoing the recent words of Louis Raphael I Sako, the Archbishop of Baghdad, the Prince added that the decline of Christians in the region represents a "major blow to peace, as Christians are part of the fabric of society, often acting as bridge-builders between other communities".
"For 20 years, I have tried to build bridges between Islam and Christianity and to dispel ignorance and misunderstanding. The point though, surely, is that we have now reached a crisis where the bridges are rapidly being deliberately destroyed by those with a vested interest in doing so – and this is achieved through intimidation, false accusation and organised persecution – including to Christian communities in the Middle East at the present time," he said.
David Yakoub, from the beleaguered and once Christian-dominated Syrian town of Sadad, was reported to be close to tears as he pleaded with the Prince to "do something".
Earlier in the day at the UK Coptic Orthodox Church Centre, Prince Charles spoke to Huda Nassar, Middle East director for the Awareness Foundation.
"[Prince Charles] said it was heart-breaking what was going on in Syria, and that he's praying for peace," Huda told World Watch Monitor.
Last week Huda's brother, Nadim Nassar, the only Syrian Anglican priest, handed in to the UK Prime Minister a petition signed by over 300,000 people from 99 countries, on behalf of Syria's Christians.
The petition, co-ordinated by Open Doors International (which works through partner churches in Syria and Egypt, amongst other countries, to bring aid relief and development) was one of a number submitted around the world on Dec. 10, including to the UN Secretary-General and the Missions of the five Permanent Members of the Security Council.
Outside the US Embassy in London, Nassar called for an end to the violence in Syria. (See video below)
Principe Carlo critica ' persecuzione organizzata ' di cristiani del Medio Oriente
Pubblicato: 18 Dicembre 2013
Relazione islamo-cristiano in pericolo di essere ' distrutto ', dice il principe
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su google_plusone_shareShare su redditMore condivisione Services19
Da sinistra a destra: il Principe Carlo, Abba Serafini e il Vescovo Angaelos presso la Chiesa copta ortodossa Centre.Left a destra: il Principe Carlo, Abba Serafini e il Vescovo Angaelos presso la Chiesa copta ortodossa in centro.
Chiesa copta ortodossa in UK
Il Principe di Galles, erede al trono britannico, ha aggiunto la sua voce a coloro che chiedono la fine della persecuzione dei cristiani in Medio Oriente.
Dopo una visita alla cattedrale londinese della Chiesa siro-ortodossa, il principe Carlo si è detto " profondamente turbato " dalle " crescenti difficoltà " incontrate dai cristiani nella regione.
" Mi sembra che non possiamo ignorare il fatto che i cristiani in Medio Oriente sono, sempre più, essendo deliberatamente di mira dai militanti islamici fondamentalisti ", ha detto.
Notando le radici del Cristianesimo nella regione, il Principe osservato che oggi il Medio Oriente e Nord Africa hanno la più bassa concentrazione di cristiani nel mondo - solo quattro per cento - e che questo ha " diminuito drasticamente nel corso dell'ultimo secolo e sta cadendo ancora di più ".
Ha detto che l'effetto di questo è che " tutti noi perdiamo qualcosa di immensamente preziosa e insostituibile quando ad una ricca tradizione che risale 2000 anni comincia a scomparire ".
Facendo eco alle recenti parole di Louis Raphael I Sako, arcivescovo di Baghdad, il Principe ha aggiunto che il declino dei cristiani nella regione rappresenta un " duro colpo per la pace, i cristiani fanno parte del tessuto sociale, spesso in qualità di costruttori di ponti tra le altre comunità ".
" Per 20 anni ho cercato di costruire ponti tra islam e cristianesimo e per dissipare l'ignoranza e incomprensione. Il punto, però, di certo, è che ora abbiamo raggiunto una crisi in cui i ponti si stanno rapidamente deliberatamente distrutte da chi ha interesse a farlo - e questo si ottiene attraverso l'intimidazione, false accuse e la persecuzione organizzata - anche alle comunità cristiane in il Medio Oriente in questo momento, "ha detto.
David Yakoub, dal assediato e, una volta cristiano - dominato città siriana di Sadad, è stato segnalato per essere vicino alle lacrime, come ha supplicato con il principe di "fare qualcosa ".
All'inizio della giornata al Regno Unito copta ortodossa Chiesa Centre, il principe Carlo ha parlato a Huda Nassar, direttore per il Medio Oriente per la Fondazione Awareness.
" [ Il principe Carlo ] ha detto che era straziante quello che stava succedendo in Siria, e che sta pregando per la pace ", ha detto Huda World Watch Monitor.
La scorsa settimana il fratello di Huda, Nadim Nassar, l' unico sacerdote anglicano siriano, consegnato al primo ministro britannico una petizione firmata da oltre 300.000 persone provenienti da 99 paesi, a nome dei cristiani di Siria.
La petizione, coordinato da Open Doors International ( che opera attraverso le chiese partner in Siria e in Egitto, tra gli altri paesi, per portare sollievo aiuti e sviluppo ) è stato uno di una serie presentata in tutto il mondo il 10 dicembre, tra cui le Nazioni Unite Segretario generale e le Missioni dei cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza.
Fuori l'ambasciata americana a Londra, Nassar ha chiesto la fine delle violenze in Siria. (Vedi video qui sotto )
Iraqi Archbishop calls on West to 'open eyes' to Christians' Middle East exodus
Published: December 18, 2013
Chaldean Catholic Head says Christians are 'integral part of national Arab tissue'
Share on facebookShare on twitterShare on google_plusone_shareShare on redditMore Sharing Services2
Louis Raphael I Sako.Louis Raphael I Sako.
Lee Stranahan / Flickr / Creative Commons
The Archbishop of Baghdad, Louis Raphael I Sako, has called on the West to help put an end to the "mortal exodus" of Christians from the Middle East.
Sako, who is also Patriarch of Babylon, told a conference in Rome, "Christianity and Freedom: Historical and Contemporary Perspectives", that the West must assist the Muslim nations of the Middle East in "modernising Islam's approach to religious freedom" and "convince Muslim nations that their repression and persecution of their minority Christian communities is not only harming the Christians, but is harming the societies themselves".
Sako, a keynote speaker at the conference run by the Religious Freedom Project at Georgetown University, which recently hosted the UK's Baroness Warsi, said the situation in Iraq over the past 10 years has gone from bad to worse, and that he can see similar situations unfolding in Egypt and Syria.
"In Iraq, after 10 years, we still don't have security. There are daily attacks, explosions, kidnappings and murders. The same scenario is happening in Syria and in Egypt," he said.
Sako quoted the Coptic Catholic Patriarch, Ibrahim Isaac Sidrak, who said that in the past 18 months, more than 100 Egyptian churches have been attacked. In Syria, Sako said 67 churches have been attacked and 45,000 Christians have left the country.
The Iraqi Archbishop pointed towards the rise of political Islam as one of the major opponents of the Church in the Middle East, while he said the US-led invasion of Iraq has "destroyed the country", being replaced by a period of sectarian violence.
He added that governments seem "generally incapable" of controlling the sectarian battles between Sunni and Shiite Muslims.
"Suffering became an everyday struggle for all Iraqis, but especially for Christians," he said. "Muslims are always strong enough with their tribes. They also have the advantage of living in a country ruled under Islamic orders. But Christians and other minority groups have been worn down by a worsening security situation."
Since 2003, Sako said more than 1000 Christians have been killed in Iraq (and others kidnapped and tortured), while 62 churches and monasteries have been attacked.
"Islamist extremists want to take advantage of the current situation in order to empty the Christian presence in the Middle East, as if it were an obstacle for their plans."
--Louis Raphael I Sako
He added that less than half of Iraq's 1.2 million Christians in 1987 remain – "and the numbers continue dropping".
The United Nations Committee for Refugees recently stated that 850,000 Iraqi Christians have left since 2003.
Sako said the West "does not understand" the difficulties and fears of Middle Eastern Christians.
"Religious radicalism is growing and becoming very aggressive," he said. "Religious violence is on the increase across the Middle East, breaking up communities and destroying relations between peoples from different religious traditions. This violence is damaging the very fabric of Middle Eastern societies. Islamist extremists want to take advantage of the current situation (that is, the anarchy in several regions) in order to empty the Christian presence in the Middle East, as if it were an obstacle for their plans."
He called on the West to "open its eyes" to see the reality of the situations facing Christians in Iraq, Syria and Egypt.
The Archbishop echoed Pope Francis's declaration that he "would not accept" a Middle East without Christians, which Sako said would "fundamentally alter the contours of culture and society in nations such as Iraq, Syria, and Egypt" and "deal a severe blow to any hope of pluralism and democracy". Christians are "an integral part of the national Arab tissue," he said.

Iracheno Arcivescovo invita Occidente a "occhi aperti" per Medio Oriente esodo dei cristiani
Pubblicato: 18 Dicembre 2013
Caldeo Testa cattolica dice che i cristiani sono ' parte integrante del tessuto nazionale araba '
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su google_plusone_shareShare su redditMore condivisione servizi2
Louis Raphael I Sako.Louis Raphael I Sako.
Lee Stranahan / Flickr / scorta
L'arcivescovo di Baghdad, Louis Raphael I Sako, ha invitato l'Occidente a contribuire a porre fine alla " mortale esodo " dei cristiani dal Medio Oriente.
Sako, che è anche il Patriarca di Babilonia, ha detto in una conferenza a Roma, " Cristianesimo e Libertà: Prospettive storiche e contemporanee ", che l'Occidente deve aiutare le nazioni musulmane del Medio Oriente in " modernizzare l'approccio dell'Islam alla libertà religiosa " e " convincere nazioni musulmane che la loro repressione e la persecuzione delle comunità cristiane minoritarie sta danneggiando non solo i cristiani, ma sta danneggiando le società stesse ".
Sako, uno dei principali oratori alla conferenza gestito dalla Freedom Progetto religiosa presso la Georgetown University, che ha recentemente ospitato nel Regno Unito baronessa Warsi, ha detto che la situazione in Iraq nel corso degli ultimi 10 anni è andata di male in peggio, e che lui può vedere situazioni simili in atto in Egitto e in Siria.
"In Iraq, dopo 10 anni, ancora non abbiamo la sicurezza. Ci sono attacchi giornalieri, esplosioni, rapimenti e omicidi. Lo stesso scenario che sta accadendo in Siria e in Egitto ", ha detto.
Sako ha citato il patriarca copto cattolico, Ibrahim Isaac Sidrak, che ha detto che negli ultimi 18 mesi, più di 100 chiese egiziane sono state attaccate. In Siria, Sako ha detto che 67 chiese sono state attaccate e 45.000 cristiani hanno lasciato il paese.
L'arcivescovo iracheno puntato verso l'ascesa dell'Islam politico come uno dei principali oppositori della Chiesa in Medio Oriente, mentre ha detto che l' invasione guidata dagli Usa in Iraq ha " distrutto il Paese", di essere sostituito da un periodo di violenza settaria.
Ha aggiunto che i governi sembrano " generalmente incapaci " di controllare gli scontri settari tra sunniti e sciiti.
" La sofferenza è diventata una lotta quotidiana per tutti gli iracheni, ma specialmente per i cristiani, " ha detto. "I musulmani sono sempre abbastanza forti con le loro tribù. Essi hanno anche il vantaggio di vivere in un paese governato sotto gli ordini islamici. Ma i cristiani e altre minoranze sono stati logorati da una situazione di sicurezza peggioramento. "
Dal 2003, Sako ha detto più di 1000 cristiani sono stati uccisi in Iraq ( ed altri rapito e torturato ), mentre 62 chiese e monasteri sono stati attaccati.
" Estremisti islamici vogliono approfittare della situazione attuale, al fine di svuotare la presenza cristiana in Medio Oriente, come se fosse un ostacolo per i loro piani. "
- Louis Raphael I Sako
Ha aggiunto che meno della metà dei 1,2 milioni di cristiani in Iraq nel 1987 restano - " ei numeri continuano cadere ".
Il Comitato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha recentemente dichiarato che 850.000 iracheni cristiani hanno lasciato dal 2003.
Sako ha detto che l' Occidente " non capisce " le difficoltà e le paure dei cristiani del Medio Oriente.
" Radicalismo religioso sta crescendo e diventando molto aggressivo ", ha detto. "La violenza religiosa è in aumento in tutto il Medio Oriente, rompendo le comunità e distruggendo le relazioni tra i popoli di diverse tradizioni religiose. Questa violenza danneggia il tessuto stesso della società mediorientali. Estremisti islamici vogliono approfittare della situazione attuale ( cioè, l'anarchia in diverse regioni ), al fine di svuotare la presenza cristiana in Medio Oriente, come se fosse un ostacolo per i loro piani. "
Ha invitato l'Occidente a " aprire gli occhi " per vedere la realtà delle situazioni che affrontano i cristiani in Iraq, Siria ed Egitto.
L'Arcivescovo ha fatto eco la dichiarazione del Papa Francesco che "non avrebbe accettato " un Medio Oriente senza cristiani, che Sako ha detto che avrebbe " radicalmente alterare i contorni della cultura e della società in nazioni come l'Iraq, la Siria e l'Egitto " e " assestare un duro colpo per ogni speranza di pluralismo e democrazia ". I cristiani sono " una parte integrante del tessuto nazionale araba ", ha detto.
Turkey blacklists foreign evangelist without explanation
Published: December 17, 2013 by Damaris Kremida
Another US citizen takes case against government after authorities fail to renew residency, Share on facebookShare on twitterShare on google_plusone_shareShare on redditMore Sharing Services6
David Byle, 44, takes to Istanbul's streets for one last time.David Byle, 44, takes to Istanbul's streets for one last time.
World Watch Monitor
A Canadian-American street evangelist left Istanbul on Saturday (Dec. 14) after Turkey's Ministry of Interior repeatedly denied him a residence permit with no explanation.
David Byle, Chairman of the Bible Correspondence Course (BCC), has opened a court case against Turkey's Ministry of Interior in an effort to remove his name from the country's blacklist.
In the last three years, Byle, 44, has been arrested, taken to court, been denied entry to the country and threatened with deportation. He has also spent time in prison. But the final straw for him has been in the last two years when he has repeatedly been denied a residence permit without any explanation. (He has lived in Turkey since 1999).
Authorities refuse to explain why Byle is on their blacklist, but Byle says it is because of his Christian evangelism in Istanbul, where he and teams from the BCC gather crowds on the streets with the use of a sketch-board.
His lawyer has requested a written explanation from the authorities, who have stayed silent and advised that Byle apply for a visa from his home country. To that end, the US citizen flew to Chicago, leaving behind in their Istanbul home his wife, who is German, and their five children aged between eight and 14.
And this is not the last the Turkish government will hear of Byle. The court case he opened this week against the Ministry of Interior (in an effort to remove the restriction on his file) adds to another case launched four years ago.
In November 2009, when Byle was arrested after doing some open-air 'street evangelism' in Istanbul, Turkey's Ministry of Interior accused him of "forceful missionary activity" and "disturbing the peace".
Byle won in 2011, but the Ministry appealed. The case is stuck in a bureaucratic backlog, but Byle's lawyers expect Turkey's high court, Danistay, to consider it in 2014. They say his case is important because it could set a precedent for other missionaries in Turkey. And if they do not win the case in Turkey, they plan to take it to the European Court of Human Rights. Byle said he and his team from the BCC, which he helped gain official recognition as an association, have been taking to the streets to talk about Christianity for nearly eight years. The association's Turkish name is officially "Association for the Propagation of the Bible".
The BCC was approved by the Governate of Istanbul in 2009 and, as its title and mission statement, says its main purpose is to disseminate information about the Bible. Turkey's Constitution states all people have the right to share their faith and it is a crime to stop someone from doing so.
"Even if David and the BCC's methods are a little aggressive, theirs is an important service to our country and the Turkish church," said Umut Sahin, member of the legal committee of Turkey's Protestant Churches. "David and the BCC are in no way guilty before the law. David is innocent and does not deserve to be thrown out of the country." Sahin is a Turkish convert to Christianity from Islam; Turkey has approximately 5,000 Turkish Protestant converts.
Member of the German Parliament, Frank Heinrich, has taken interest in Byle's case and has written to the Turkish authorities on his behalf. Heinrich is also a member of the German Parliament's Committee for Human Rights and Humanitarian Aid.
Heinrich told World Watch Monitor he was well aware that Byle has been working in Turkey as a non-profit volunteer for over a decade. (Byle and his family gain their living from donations from supporters in the US and Canada and he does not earn anything from the BCC).
"He has never breached any law," Heinrich said. "Religious freedom is a positive right, and it includes sharing one's faith. A democratic state with guaranteed religious freedom must allow people to share their faith."
Jerry Mattix preaches to his congregation in Turkey, before he was forced to leave.Jerry Mattix preaches to his congregation in Turkey, before he was forced to leave.
World Watch Monitor
In June another American Christian, Jerry Mattix, learned he was blacklisted when he was denied re-entry to Turkey. The Ministry of Interior instructed him to apply for an appropriate visa from an embassy or consulate outside Turkey. Mattix, who has since moved to Cyprus with his family, told World Watch Monitor that such efforts have been fruitless.
Sahin estimates that in the last five years at least 10 foreign families have been denied visas and residence permits, or have been deported because of their missionary activities. He says the current government is becoming more intolerant towards missionaries.
"Things have changed," Sahin said. "The government is regressing to the old state reflexes. They see evangelism, and especially foreign missionaries, as a threat and don't want them. At the first opportunity they deport them or don't renew their residence permits. Sometimes they even give fines for not having work permits."
Sahin says foreign Christians who live in Turkey with the purpose of evangelism must take responsibility for themselves in their struggle for legality.
"We support this struggle through lobbying and informing international bodies such as the European Union and United Nations," Sahin said. "In addition, we have taken on the costs of some of the legal battles. But we don't want to drive this process and believe it is the responsibility of our foreign brothers to learn to fight. All we can do is support them."
Byle is one of few who have opened court cases to defend their legal status in Turkey. He says that authenticity and transparency in motivation are the keys to winning.
"I love the freedom I have to just be who I am… I'm a religious man," Byle said. "There's no need to hide or pretend to be something you're not."
Just three weeks before his departure from Turkey, Byle took to the streets of Istanbul with his team to set up his sketch board one last time before he left for the foreseeable future. He picked Eminonu, one of Istanbul's bustling ports near the tourist district, and a mainly Muslim community.
"To be able to announce openly and unashamedly to everyone the wonderful amazing love of our Saviour is something so great it's worth proclaiming it to everyone," he said. "Seeing the power of the message attract people and how it changes lives; it's what I've been called to do. Woe to me if I don't do it, and I love doing it too."

Turchia blacklist evangelista straniero senza spiegazioni
Pubblicato: 17 dicembre 2013 da Damaris Kremida
Un altro cittadino statunitense richiederà caso contro il governo dopo che le autorità non riescono a rinnovare la residenza, Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su google_plusone_shareShare su redditMore condivisione Servizi6
David Byle, 44, prende per le strade di Istanbul per un ultimo time.David Byle, 44, prende per le strade di Istanbul per l'ultima volta.
World Watch Monitor
Un canadese - americano strada evangelista lasciato Istanbul il Sabato ( 14 dicembre ), dopo ministero degli Interni della Turchia ripetutamente gli ha negato il permesso di soggiorno senza alcuna spiegazione.
David Byle, Presidente del Corso di Corrispondenza Bibbia ( BCC ), ha aperto una causa contro Ministero degli Interni della Turchia, nel tentativo di rimuovere il suo nome dalla lista nera del paese.
Negli ultimi tre anni, Byle, 44 anni, è stato arrestato, portato in tribunale, è stato negato l'ingresso nel paese e minacciato di espulsione. Ha anche trascorso del tempo in prigione. Ma l'ultima goccia per lui è stato negli ultimi due anni in cui è stato ripetutamente negato un permesso di soggiorno senza alcuna spiegazione. ( Ha vissuto in Turchia dal 1999).
Le autorità si rifiutano di spiegare perché Byle è sulla loro lista nera, ma Byle dice che è a causa della sua evangelizzazione cristiana a Istanbul, dove lui e squadre della BCC raccogliere folle per le strade con l'uso di uno schizzo a bordo.
Il suo avvocato ha chiesto una spiegazione scritta da parte delle autorità, che hanno soggiornato in silenzio e avvertito che Byle domanda per un visto dal suo paese d'origine. A tal fine, il cittadino statunitense è volato a Chicago, lasciando dietro di sé nella loro casa di Istanbul sua moglie, che è tedesco, ed i loro cinque bambini di età compresa tra gli otto ei 14.
E questo non è l'ultimo che il governo turco si sente di Byle. Il caso giudiziario ha aperto questa settimana contro il Ministero dell'Interno ( nel tentativo di rimuovere la restrizione sul suo file) aggiunge un altro caso lanciata quattro anni fa.
Nel novembre del 2009, quando Byle è stato arrestato dopo aver fatto un po ' all'aria aperta ' di strada evangelizzazione ' a Istanbul, Ministero degli Interni della Turchia lo ha accusato di "attività missionaria forte " e " disturbo della quiete pubblica ".
Byle ha vinto nel 2011, ma il Ministero appello. Il caso è bloccato in un backlog burocratico, ma gli avvocati di Byle aspettatevi alta corte della Turchia, Danistay, a considerarlo nel 2014. Dicono che il suo caso è importante perché potrebbe costituire un precedente per altri missionari in Turchia. E se non vincono il caso della Turchia, hanno in programma di portarlo alla Corte europea dei diritti dell'uomo. Byle detto che lui e la sua squadra dalla BCC, che ha contribuito a ottenere il riconoscimento ufficiale come associazione, hanno preso per le strade a parlare di cristianesimo per quasi otto anni. Nome turco L'associazione è ufficialmente " Associazione per la Propagazione della Bibbia".
La BCC è stato approvato dal Governatorato di Istanbul nel 2009 e, come il suo titolo e missione, dice il suo scopo principale è quello di diffondere informazioni sulla Bibbia. Costituzione gli stati della Turchia tutte le persone hanno il diritto di condividere la loro fede ed è un crimine impedire a qualcuno di farlo.
"Anche se i metodi David e la BCC di sono un po 'aggressivo, il loro è un servizio importante per il nostro paese e la chiesa turca ", ha detto Umut Sahin, membro del comitato giuridico delle Chiese protestanti della Turchia. " David e la BCC sono in alcun modo colpevole di fronte alla legge. David è innocente e non merita di essere buttato fuori dal paese " Sahin è un convertito turca al cristianesimo dall'Islam,. Turchia ha circa 5.000 convertiti protestanti turchi.
Membro del Parlamento tedesco, Frank Heinrich, ha preso di interesse in caso di Byle e ha scritto alle autorità turche per suo conto. Heinrich è anche membro del comitato del Parlamento tedesco per i diritti umani e gli aiuti umanitari.
Heinrich ha detto World Watch Monitor egli era ben consapevole che Byle ha lavorato in Turchia come volontario non-profit per oltre un decennio. ( Byle e la sua famiglia guadagnano da vivere con le donazioni dei sostenitori negli Stati Uniti e in Canada e lui non guadagna nulla dalla BCC ).
« Non ha mai violato alcuna legge ", ha detto Heinrich. "La libertà religiosa è un diritto positivo, e include la condivisione della propria fede. Uno stato democratico, con la libertà religiosa garantita deve permettere alle persone di condividere la loro fede ".
Jerry Mattix predica alla sua congregazione in Turchia, prima di essere costretto a leave.Jerry Mattix predica alla sua congregazione in Turchia, prima di essere costretto a lasciare.
World Watch Monitor
Nel mese di giugno un altro americano Christian, Jerry Mattix, ha imparato è stato inserito nella lista nera, quando gli è stato negato il rientro in Turchia. Il ministero dell'Interno lo ha incaricato di richiedere un visto appropriato da un'ambasciata o un consolato di fuori della Turchia. Mattix, che nel frattempo trasferito a Cipro con la sua famiglia, ha detto World Watch Monitor che questi sforzi sono stati infruttuosi.
Sahin stima che negli ultimi cinque anni almeno 10 famiglie straniere sono stati negati i visti ei permessi di soggiorno, o sono stati deportati a causa delle loro attività missionarie. Dice che l'attuale governo sta diventando sempre più intollerante verso i missionari.
"Le cose sono cambiate ", ha detto Sahin. "Il governo sta regredendo ai vecchi riflessi di stato. Vedono l'evangelizzazione, e soprattutto missionari stranieri, come una minaccia e non li vogliono. Alla prima occasione li deportano o non rinnovare il permesso di soggiorno. A volte anche dare multe per non aver permesso di lavoro. "
Sahin dice che i cristiani stranieri che vivono in Turchia, con lo scopo di evangelizzazione devono assumersi la responsabilità per se stessi nella loro lotta per la legalità.
" Noi sosteniamo questa lotta attraverso attività di lobbying e di informare gli organismi internazionali come l'Unione Europea e le Nazioni Unite ", ha detto Sahin. "Inoltre, abbiamo assunto i costi di alcune delle battaglie legali. Ma noi non vogliamo guidare questo processo e credo che la responsabilità dei nostri fratelli stranieri per imparare a combattere. Tutto quello che possiamo fare è sostenere. "
Byle è uno dei pochi che hanno aperto procedimenti giudiziari per difendere il loro status giuridico in Turchia. Egli dice che l'autenticità e la trasparenza nella motivazione sono le chiavi per vincere.
"Amo la libertà devo essere solo che io sono, io sono un uomo religioso ", ha detto Byle. "Non c'è alcun bisogno di nascondere o fingere di essere qualcosa che non sei. "
Appena tre settimane prima della sua partenza dalla Turchia, Byle ha portato per le strade di Istanbul con la sua squadra per impostare il suo bordo schizzo un'ultima volta prima di partire per il prossimo futuro. Prese Eminonu, uno dei vivaci porti di Istanbul vicino al distretto turistico, e di una comunità a maggioranza musulmana.
"Per essere in grado di annunciare apertamente e spudoratamente a tutti la meravigliosa incredibile dell'amore del nostro Salvatore è qualcosa di così grande che vale la pena annunciare a tutti ", ha detto. " Vedendo la potenza del messaggio attirare la gente e come cambia la vita: è quello che ho chiamato a fare. Guai a me se non lo faccio, e mi piace farlo anch'io. "

20/12/2013 BANGLADESH, cattolici al governo: A Natale, proteggete le nostre chiese.
Dopo gli attacchi dei fondamentalisti islamici contro la minoranza indù, i cristiani vivono nella paura. Le divergenze politiche rischiano di far entrare il Paese in una nuova fase di violenze e instabilità. Secondo una ong locale, dall'inizio dell'anno gli scontri di natura politica hanno causato 433 morti e migliaia di feriti.

20/12/2013 TIBET - CINA
Tibet, la polizia cinese picchia a morte un autorevole monaco buddista
Geshe Ngawang Jamyang, religioso e insegnante molto amato dalla sua comunità, era stato arrestato il 23 novembre a Lhasa. Il suo cadavere, con evidenti segni di violenza, è stato riconsegnato alla famiglia da alcuni agenti che hanno minacciato di morte i familiari per farli tacere.

20/12/2013 FILIPPINE, [ la Arabia Saudita, sharia imperialismo, califfato modiale, ha ucciso ancora. ] Manila, agguato in aeroporto al sindaco di Labangan: quattro vittime
Due persone [separatisti musulmani], travestite da poliziotti, hanno ucciso #Ukol #Talumpa, primo cittadino della provincia di Zamboanga del Sur. Deceduta anche la moglie del politico e un bambino di un anno e mezzo. Il raid è avvenuto all'esterno del terminal 3; almeno 20 i colpi esplosi. Già in passato l'uomo era stato bersaglio di attentati.
La vittima era originaria della regione di Mindanao, teatro da tempo di una guerra sanguinaria fra forze governative e separatisti musulmani. Nel settembre scorso tre settimane di combattimenti a #Zamboanga, hanno causato la morte di 203 persone e posticipato i colloqui di pace con i vertici dei gruppi ribelli. A inizio dicembre il governo guidato dal presidente Benigno Aquino ha detto di essere vicino alla ratifica dell'accordo finale, che dovrebbe avvenire il mese prossimo e mettere così fine a una guerra decennale che ha causato circa 200mila vittime. Durante i periodi elettorali, il sud delle #Filippine ha registrato momenti di tensione e violenze sanguinarie: fra i più gravi, l'attacco avvenuto il 23 novembre 2009 contro il clan di Ishmael "Toto" #Mangudadatu, vice-sindaco di #Buluan e candidato alla carica di governatore di #Maguindanao, provincia nel sud delle #Filippine, nella #Regione #Autonoma nel #Mindanao #Musulmano ( #Armm). Nell'attacco sono morte 58 persone, fra cui parenti e sostenitori del politico, oltre che giornalisti al seguito del gruppo.

19/12/2013 #VATICANO, #ISLAM [ il Papa ci ha traditi e ci sta uccidendo! Lui sa molto bene, che, la sharia lo ucciderà! ] #Papa Francesco e l'invito al dialogo con l'Islam. [il dialogo ipocrita del Vaticano, ha portato alla morte, milioni di cristiani! ]
Vi sono tante cose positive #Evangelii #gaudium, che spingono cristiani e musulmani, a un rapporto nell'amore e nella verità; a lavorare per la pace; ad arricchirsi reciprocamente; ad accogliere gli immigrati, Ma vi sono anche alcuni spunti critici: il Dio dei musulmani "clemente e misericordioso (solo verso di loro)" è davvero, lo stesso della Trinità? E il #Gesù e #Maria, del #Corano, sono gli stessi dei Vangeli? E il fondamentalismo cristiano, è uguale a quello musulmano? E' davvero urgente, come suggerisce #Francesco, "un'adeguata interpretazione, del #Corano", a cui i musulmani assassini, sterminatori, pianificatori di ogni #genocidio, resistono, infatti, negano la #libertà di #religione e lo #Stato #laico.

19/12/2013 #CINA, il #marxismo, ha ucciso tanti cristiani innocenti! ed ovviamente io non sono contrario ad un marxismo liberale, che ha rispetto della libertà di coscienza dal punto di vista religioso.
Il Partito ordina un " #esame di #marxismo" per tutti i giornalisti, Il test si basa su un manuale di 700 pagine in vendita, nelle librerie, dove si legge: "E' assolutamente proibito pubblicare commenti negli articoli pubblicati, che, vanno contro la linea del Partito". Chi fallisce il test perde, la tessera stampa. Aumenta il controllo, sui media nell'era, di #Xi #Jinping.

19/12/2013 #SIRIA [ in ogni progetto, #imperialistico, #islamismo, #comunismo, #capitalismo, #satanismo, #talmud, Spa, Bildenberg, farisei, Illuminati, ecc.. la vita umana, perde ogni valore! ] [ è indispensabile armare, i popoli, a livello comunale, e prevedere, un servizio di tutela territoriale. ] Siria, trattative per liberare le suore di #Maaloula. L'appello del vescovo di Homs. Per mons. Mario Zenari autorità e diplomatici stranieri lavorano per liberare le religiose. Ma al momento non vi sono ancora notizie precise. Mons. #Selwanos #Boutros #Alnemeh, #vescovo siro #ortodosso di #Homs, denuncia il crimine commesso dagli islamisti e sottolinea: "Con questo gesto i rapitori vogliono dimostrare che non hanno pietà per nessuno". [che fine hanno fatto i Vescovi Ortodossi, che, sono stati decapitati in siria, e che i satanisti turchi, dichiarano, di conservare in Turchia? ]

12/19/2013 15:47
SYRIA, As negotiations for the release of the Maaloula nuns continue, Homs bishop makes an appeal, As the nuns' fate remains unclear, the authorities and foreign diplomats continue working on their release, said Mgr Mario Zenari. Meanwhile, Boutros Selwanos Alnemeh, Syriac Orthodox archbishop of Homs, slams Islamists for their "crime", noting that "The abductors want to demonstrate that they show no mercy." Homs (AsiaNews) - Negotiations for the release of 12 Greek Orthodox nuns and three other young women from Maaloula continue after Islamic extremists from the Ahrar al-Qalamoun Brigade seized them on 2 December. "Some contacts have been established with the kidnappers," Vatican nuncio to Damascus Archbishop Mario Zenari told AsiaNews, "but there are no reports at present about their possible release." For the prelate, "this kidnapping is very different" from the abduction of Catholic and Orthodox Churchmen earlier this year. The sisters have had the opportunity to contact the outside world by phone. Several foreign diplomats have been working on an agreement with the kidnappers for their release. And "This bodes well for their future release," he explained.
By contrast, for months there has been silence over the fate of Mgr Yohanna Ibrahim of the Syrian Orthodox Church and Mgr Paul Yazigi, Metropolitan of the Greek Orthodox Church, who were abducted on 22 April, a fate shared by Fr Michel Kayyal, an Armenian Catholic priest, and Fr Maher Mahfouz, a Greek Orthodox, who were seized in February. The nuns' abduction shocked local and world public opinion. The sisters are known throughout Syria for their charity work with orphans of any creed and ethnicity. Despite a video message broadcast by al-Jazeera in which they offer reassurances, there are concerns about the nun's conditions and fate. Bishop Selwanos Boutros Alnemeh, Syriac Orthodox Metropolitan of Homs and Hama, made an appeal on 11 December for their release, slamming the serious "crime" committed by Islamic extremists. "We've now reached the point where even nuns are being abducted. What have they done wrong," the prelate asked. In his view, "The abductors want to demonstrate that they show no mercy". Sources, anonymous for security reasons, told AsiaNews that three Maaloula residents - the nun's driver and two young people - are also being held in Yabrud. They were abducted during the siege of the Christian village and taken to the rebel-held city, which is under the control of Hamdi Abu Azzam al-Kuwait, a Syrian-Kuwaiti who is also the deputy of Jabat al-Nusra Front commander Malik al-Talli.